Martedì, Dicembre 12, 2017

Anghelos 7’ 58’’

Anghelos 7’ 58’’ è uno spazio sonoro creato nel 1998 a partire della registrazione di rumori della natura, di animali, voce umana e montato alla maniera dei registri, senza mai alterare il percetto, ma componendolo. E un annuncio rivolto ai processi di creazione di ognuno, a ciò che in noi veglia, ai meccanismi segreti ed antichi lasciati all’abbandono.
Giuliana di Bennardo

Da quasi un anno Di Bennardo invita colleghi artisti, scrittori intellettuali di vario genere ad ascoltare il suo spazio sonoro, Anghelos 7’58’’ e chiede a loro di dare vita a un’opera , uno scritto, una testimonianza a quanto sentito. Per cui ci troviamo di fronte a opere autonome che costituiscono, tuttavia, un insieme di voci di un coro che trova un senso nella sua unitarietà e che canta secondo una partitura creata da Di Bennardo. Si tratta di un’opera particolare , in cui l’artista chiede ad altri di dare vita a un suo lavoro.

 

Nuria Sala Grau ha danzato vestita di azzurro con un Ipod nelle orecchie, in cui era Anghelos 7’58’’, mani e piedi dipinti di rosso si muovevano sulla polvere di curcuma, una taumaturgica spezia indiana, il tutto in un silenzio inquietante.
Angela Madesani

 

Performances selezionate:

La prima è stata presentata nella Galleria d’Arte Santa Chiara di Vercelli, 8-Novembre-2008, organizzato dal Museo d’Arte Contemporanea ARCA e dal Comune di Vercelli, ANGHELOS 7’58’’ di Giuliana Di Bennardo.
Luglio- 2009 ANGHELOS 7'58’’ apre lo Spettacolo “Il canto dell’Anima”. Organizzato dal Centro Studi Bhaktivedanta nell’Ashram di Albetona, insieme a Intrecci, Workshop la tradizione del teatro-danza Bharatanatyam in dialogo con la danza Contemporanea.